Come bloccare l’accesso ai siti web pericolosi e non?

3 minuti! Questo è tempo di lettura stimato per questo post

Forse sentivate la mancanza di un mio articolo o meglio una mia piccola guida per smanettoni. Oggi vi presento o meglio vado a rispolverale una vecchia guida che vi illustra come bloccare l’accesso a determinati siti web che considerate pericolosi o che non considerate adatti per i fratelli o le sorelle, i figli o le figlie, chi più ne ha più ne metta.

Quindi come possiamo impedire l’accesso e la visita da parte del fratello, la sorella, il nonno o chiunque altro, non acceda a uno o una determinata lista di siti web che io considero pericolosi?

bloccare l’accesso ai siti-file hosts
Ecco come bloccare l’accesso ai siti web:

Per fare ciò, basta modificare un semplice file, cioè hosts, che ovviamente da sistema operativo a sistema operativo si trova in diverse posizioni e si accede seguendo dei piccoli passaggi.

Windows

Quindi il primo sistema che vede il nostro intervento sopra il file hosts sono i sistemi della famiglia Windows e il file che dobbiamo modificare il => “hosts.ics”

Questo file è presente nella cartella:

C:\WINDOWS\system32\drivers\etc\hosts

Quindi una volta arrivati davanti al file, lo aprite con NotePad e andate a mettere una riga sotto l’altra l’IP e il dominio del siche che volete bloccare. Per esempio

# Block web site
127.0.0.1 www.miosito.it
127.0.0.1 www.facebook.com
127.0.0.1 http://it.pornhub.com/

Per ogni sito che volete bloccare dovrete sempre inserirci davanti al nome, l’IP 127.0.0.1, che sta ad indicare la macchina su cui bloccare l’accesso al sito web in questione. Per chi non lo sapesse, 127.0.0.1 è l’IP locale. Una volta aggiunte tutte le righe con i siti web da bloccare, questi non sarà più accessibile dal PC dove è stato modificato il file, ammenoché non ripristinate il file hosts.ics.

Ricordatevi di salvare il file ed eventualmente metterci una password sopra, perché qualcuno potrebbe trovare questa guida e andare a ripristinare il tutto come prima.

Mac OS

Adesso tocca ai sistemi operativi della famiglia Mac OS X.
Per modificare il file hosts, dovete utilizzare il Terminale, ma nessuna paura è una cosa semplicissima da fare.

Per avviare il Terminale avete due possibilità:

  1. andare su Applicazioni, poi su Utility e poi su Terminale
  2. premere in contemporanea i tasti Ctrl + barra spaziatrice” e scrivendo nello spotlight Terminale

Una volta avviato il Terminale, date questo primo comando: sudo TextEdit /private/etc, una volta dato questo comando vi verrà chiesta la password Amministratore (vi ricordo che non vedrete comparire nulla sullo schermo, ma una volta finito di scrivere la password, vi basterà dare Invio per scoprire se avete scritto quella giusta), se la password è giusta vi si aprirà un file all’interno del quale dovete aggiungere le stesse righe viste prima:

# Block web site
127.0.0.1 www.miosito.it
127.0.0.1 www.facebook.com
127.0.0.1 http://it.pornhub.com/

Salvate il tutto ed ecco che il gioco è fatto.

GNU/Linux

Adesso tocca ai sistemi operativi della famiglia dei sistemi operativi appartenenti alla grande famiglia GNU/Linux.
Per modificare il file hosts, dovete utilizzare il Terminale (per chi utilizza GNU/Linux tutti i giorni, questo strumento non è sicuramente nuovo), ma nessuna paura se è la prima volta che lo senti nominare, così come per gli utenti Mac OS sarà una cosa semplicissima da fare.

Per avviare il Terminale avete due possibilità:

  1. la prima cercarlo nel menù delle applicazioni e dei software installati
  2. se utilizzi un sistema operativo come Debian o Ubuntu, ti basta utilizzare la combinazione di tasti CTRL + ALT + T

Una volta avviato il Terminale, date questo primo comando: sudo gedit /etc/hosts, una volta dato questo comando vi verrà chiesta la password Amministratore (vi ricordo che non vedrete comparire nulla sullo schermo, ma una volta finito di scrivere la password, vi basterà dare Invio per scoprire se avete scritto quella giusta), se la password è giusta vi si aprirà un file all’interno del quale dovete aggiungere le stesse righe viste prima:

# Block web site
127.0.0.1 www.miosito.it
127.0.0.1 www.facebook.com
127.0.0.1 http://it.pornhub.com/

Salvate il tutto ed ecco che il gioco è fatto.

Conclusione:

La mini o meglio la grande guida finisce qui, vi do appuntamento alla prossima puntata. Nel mentre aspetto le vostre impressioni nei commenti qui sotto e se avete bisogno d’aiuto scrivetemi.
Seguiteci anche su Facebook, Google Plus, Tumblr, Twitter e Telegram, per restare sempre in contatto con noi e con le nostre guide.



Cerca

Seguici

Live da Facebook
Live da Twitter
Seguici su Telegram
Canale InsiDevCode Telegram