#tiDomando: oggi parliamo con Tiziano Basile

Buongiorno carissimi amici e lettori, immagino che qualcuno di voi ha pensato che noi di InsiDevCode fossimo andati in vacanza e ci siamo dimenticati dell’appuntamento #tiDomando.  Invece non è così, quindi eccoci qua con la decima puntata della saga #tiDomando ed è dedicata a Tiziano Basile.
Un ragazzoto che ci sa fare con il codice e con lo sviluppo di cose, insomma non stiamo qua a svelare troppe cose in anticipo, quindi mettetevi comodi e leggete quanto segue.

#tidomando_Tiziano Basile

Che l’intervista a Tiziano Basile abbia inizio

Come ti chiami nella vita reale e con quale nickname ti riconoscono nel web?

Ciao caro, dunque se non vado errato la gente mi chiama Tiziano Basile, ma sul web sono conosciuto (lo spero) con il nick Tizionario.
La storia del nick è oscura e piena di terrore (se cogli la citazione 10 punti) ma ha che fare con un dizionario (ma no?)

Quando ti sei appassionato alla tecnologia?

Credo di essere nato già appassionato dato che fin da piccolo smontavo qualsiasi cosa avesse dentro dell’elettronica (radio mucca della Fruttolo perdonami, non volevo farti del male). Poi all’età di 7 anni mio padre comprò un computer e quindi addio.

Quando hai cominciato a lavorare con il web e la tecnologia?

Lavorare nel senso stretto del termine, giusto dopo il diploma 🙂
Ma ho fatto lavori per amici e parenti “in the meantime” (roba inguardabile comunque :D)

Che percorso di studio hai fatto per ottenere i risultati che hai ottenuto fino ad oggi?

A dire la verità il mio percorso di studi non è stato proprio indirizzato a quello che faccio e che voglio fare in futuro, mi sono diplomato come ragioniere-programmatore e ancora non ho capito cosa vuol dire.

Quando hai aperto il tuo primo sito?

Penso fosse il 2009, e più che il mio sito personale era il sito della band dove suonavo all’epoca (il sito è stato aggiornato quindi niente link con il mio lavoro)

Hai un sito web dove le persone possono scoprire qualcosa su di te?

Sure, è nuovo, è fresco e ultimamente ci sto scrivendo poco per svariati motivi, ma torno a scriverci di tanto in tanto.
In realtà è un blog e si chiama DevaBee; l’idea del nome è alquanto curiosa: è un mix tra le parole “developer” e “wanna be”, mentre la doppia “e” che forma il suffisso Bee è legato all’idea dell’alveare e quindi della community, non a caso il logo è formato da esagoni come le celle di un alveare.

Che lavoro fai principalmente?

Faccio il sysadmin sui sistemi informatici negli impianti eolici

Che progetti hai sviluppato/realizzato oppure messo in piedi fino ad oggi?

Purtroppo poca roba che possa essere mostrata pubblicamente, ma il mio account github e quello di Devabee  sono aperti a tutti 🙂
Poi collaboro e sono membro dell GDG Bari (Google Developer Group), con cui facciamo un po’ di cose pazzerelle tra cui la DevFest, eventi e workshop vari e abbiamo partecipato anche al DroidconIT come relatori per tre anni di fila

Che cosa consigli alle persone che decidono di dedicare il loro tempo alla tecnologia, all’informatica e al web?

Fatelo, purché ci mettiate l’anima e siate avidi e curiosi.

Secondo te, è importate secondo te imparare a programmare?

Assolutamente si, soprattutto negli ultimi anni imparare almeno un linguaggio di programmazione può fare la differenza sia in ambito lavorativo che personale

Quale linguaggio di programmazione consiglieresti?

Qui sono un po’ di parte, quindi dico Java 🙂 Ma per un neofita tutto quel programmare a oggetti potrebbe risultare ostico, quindi perché non cominciare con un po’ di python?
Poi la scelta e soggettiva e ci sono un sacco di corsi gratuiti online, alcuni dei quali descritti sul mio blog 🙂

Secondo te è più importante dedicare il proprio tempo nel sviluppare applicazioni mobile oppure software?

Sicuramente il mobile ha attualmente più mercato e con tutti i framework in circolazione per creare un’app o un gioco molto semplice ci vogliono davvero poche ore, ma anche lo sviluppo desktop da le sue soddisfazioni.

È facile entrare nelle comunità di sviluppo e dare il proprio contributo?

Facilissimo! Soprattutto se si tratta di comunità nate intorno ad un progetto open source, vedi i Mozillian, o le community su Android o LibGDX. Spesso basta solo clonare un repository e dare il proprio contributo.

Quale è secondo te il sistema operativo mobile su qui bisogna concentrarsi di più?

Altra domanda in cui sono abbastanza di parte: Android! Mi pare sia attualmente il più diffuso, è open source e sta per approdare nella domotica e le automobili (dopo essere già arrivato nelle case con smartphone, tablet e tv).

Cosa ne pensi di Swift e Dart come linguaggi per realizzare app per Android?

Purtroppo non li ho mai approfonditi e ho visto Dart solo per qualche ora, quindi non me la sento di darti una risposta definitiva

Oggi sviluppare app per Android ti permette di guadagnare?

Diciamo che al momento sono concentrato su altro, ma non escludo in futuro di dedicarmici esclusivamente

Quale CMS consiglieresti alle persone che vogliono intraprendere la strada della realizzazione di progetti web?

WordPress, ormai ha raggiunto una maturità tale da poterci fare di tutto, da un semplice blog ad una complessa piattaforma e-commerce, e poi è pieno così *fa il gesto con la mano* di plugin, temi e quant’altro

Oggi lavori come freelance oppure sei assunto da qualche azienda?

Al momento sono assunto come dipendente e cerco di portare avanti qualche progetto personale, in futuro chissà, mi piacerebbe diventare freelance o aprire la mia azienda

Secondo te ci sono possibilità di trovare lavoro nell’ambito del web e dell’informatica?

Si e non solo, le possibilità sono in crescita. Basti pensare che ormai il professionista in campo informatico non è più solo il programmatore desktop, ma anche il sistemista, l’esperto di networking, il programmatore mobile, frontend, backend e chi più ne ha più ne metta, per non parlare delle recenti applicazioni in campo elettronico e automazione.

Conclusione

Così come nelle puntate precedenti, anche nel caso della caro Tiziano le domande sarebbero state tante, però mi sono fermato prima lasciando lo spazio per un’altra serie di domande nel futuro prossimo.
Ringrazio Tiziano Basile per il tempo che ci ha dedicato e speriamo che anche questo nono episodio di #tiDomando sia stato di vostro gradimento. Nel mentre aspettiamo le vostre impressioni nei commenti qui sotto.

Seguiteci anche su Facebook, Google Plus, Tumblr, Twitter e Telegram, per restare sempre in contatto con noi e con le nostre guide.



Cerca

Seguici

Live da Facebook
Live da Twitter
Seguici su Telegram
Canale InsiDevCode Telegram