Caricare o disabilitare il menu del bootloader GRUB all’avvio del PC

Per caricare o disabilitare il menù del bootloader GRUB all’avvio del PC basta seguire queste semplici procedure:

1) Per invocarlo manualmente, se nel file di configurazione non è impostato per il caricamento all’avvio:

GRUB 1.0 = premere (e tener premuto) il tasto ESC subito dopo l’avvio del pc, fin quando non compare il menù
GRUB 2.0 = premere (e tener premuto) il tasto SHIFT SINISTRO subito dopo l’avvio del pc, fino a che non compare il menù

2) Per invocarlo automaticamente (se cioè volgiamo che appaia all’avvio del PC), bisognerà agire sul file di configurazione:

GRUB 1.0 (fino alla versione 0.97 inclusa)

aprire il file /boot/grub/menu.lst e cercare nel file medesimo la seguente riga:

#hiddenmenu

e sostituirla con

hiddenmenu

(ogni riga che comincia con # viene intesa come un commento, e non come un comando/istruzione da eseguire)

GRUB 2.0 (dalle versione 1.90 in poi)

aprire il file /etc/default/grub, cercare nel file medesimo la seguente riga:

GRUB_TIMEOUT=5

e sostituirla con

GRUB_TIMEOUT=0

(oppure potete commentarle con #)

aggiornare il file boot/grub/grub.cfg, utilizzando l’utility grub-mkconfig frornita con Grub 2.0 nle seguente modo:

grub-mkconfig -o /boot/grub/grub.cfg

questo comando genera un nuovo file di configurazione per GRUB2 nel file /boot/grub/grub.cfg

Infatti, contrariamente ad un file di testo standard, il file grub.cfg deve essere rigenerato ad ogni modifica dello stesso. Non bisogna confondere l’opzione GRUB_TIMEOUT con GRUB_HIDDEN_TIMEOUT

L’opzione GRUB_HIDDEN_TIMEOUT non rende visibile nessun menù in attesa dell’input dell’utente per un certo numero di secondi; essa viene ignorata se grub riconosce più sistemi operativi, restando valida in modalità single OS. In particolare:

– se il valore è dell’opzione è “0” (zero) Grub2 avvia il kernel impostato nell’opzione GRUB_DEFAULT con un lieve ritardo senza visualizzare alcun menu; in questa fase l’utente può forzarne la visualizzazione premendo il tasto SHIFT.

– se il valore è maggiore di zero Grub2 non visualizzerà alcun menù per il numero indicato di secondi per poi avviare il kernel di default. In questa fase se l’utente preme il tasto SHIFT il menù verrà visualizzato per il numero di secondi impostato nell’opzione GRUB_TIMEOUT a meno che l’utente stesso non intervenga nuovamente.

Inoltre, per ambo le versioni, durante le operazioni nel menù di avvio, sono messi a disposizione dell’utente dei tasti per accedere in modo rapido alla configurazione oppure alla riga di comando.

«c» Accede alla riga di comando della console di GRUB.

«e» Apre un editor dove è possibile modificare la voce del menù selezionata.

«b» Avvia il sistema sulla riga selezionata.

«o» Crea una nuova riga.

«d» Elimina la riga selezionata

Conclusione:

Eccoci giunti alla fine del nostro cammino alla scoperta del bootloader GRUB e di come si può personalizzare il menù, adesso la palla passa a voi. Nel mentre noi restiamo a vostra disposizione e non solo aspettiamo le vostre impressioni nei commenti qui sotto. Se avete già utilizzato e provato altri tool oppure altre strategie per personalizzare il menù del bootloader GRUB della vostra distro GNU/Linux, non esitate a segnalarcelo qui sotto.

Noi per il momento vi fermiamo qui e vi diamo appuntamento alla prossima puntata dedicata alle prossime guide dedicate al mondo GNU/Linux, mondo Ubuntu, mondo Fedora, mondo Debian e non solo. Come al solito aspettiamo le vostre impressioni nei commenti qui sotto.

Libri utili:

  1. Amministrare Gnu/Linux – Quarta Edizione
  2. Linux Server per l’amministratore di rete. Per Ubuntu, CentOS e Fedora
  3. Linux. Guida pocket
  4. Imparare Linux in 5 giorni

Seguiteci anche su Facebook, Google Plus, Tumblr, Twitter e Telegram, per restare sempre in contatto con noi e con le nostre guide.



Cerca

Seguici

Live da Facebook
Live da Twitter
Seguici su Telegram
Canale InsiDevCode Telegram